Vivarini a Conegliano Veneto

Anche la Pinacoteca della Città Metropolitana partecipa, con il prestito di cinque tavole relative ai trittici e polittici di Antonio e Bartolomeo Vivarini presenti nel museo, alla importante mostra che sarà inaugurata presso Palazzo Sarcinelli a Conegliano Veneto (Treviso) il 20 febbraio 2016, dedicata a: “I Vivarini – Lo splendore della pittura tra Gotico e Rinascimento”.

Si tratta della prima mostra mai realizzata sui Vivarini, la famiglia di artisti muranesi, composta dai citati Antonio e Bartolomeo, e dal figlio del primo, Alvise; una famiglia che svolse un ruolo di primo piano nel panorama dell’arte veneziana della seconda metà del Quattrocento fino ai primissimi del Cinquecento, gli anni che segnano il passaggio cruciale dell’arte veneta (e italiana) dal Tardogotico al Rinascimento.

Il prestito per una mostra tanto importante non fa altro che testimoniare il prestigio della nostra Pinacoteca e delle opere in essa custodite. Dobbiamo essere orgogliosi del nostro museo e grati a coloro i quali, tecnici e amministratori, sono stati in grado di raccogliere un tale patrimonio e metterlo a disposizione di tutti. La Pinacoteca della Città Metropolitana di Bari è un’ istituzione culturale di fondamentale importanza per tutto il Meridione e per questo, anche con la partecipazione degli enti sovraordinati, deve essere valorizzata e implementata potenziandone gli spazi espositivi.

La mostra, promossa da Civita Tre Venezie e dalla Città di Conegliano Veneto, e curata da Giandomenico Romanelli, vedrà una notevole presenza di tavole provenienti dalla Puglia (la regione meridionale che conserva il maggior numero di testimonianze pittoriche dei tre artisti). Il catalogo, edito da Marsilio, conterrà fra l’altro un saggio di Clara Gelao, direttrice della Pinacoteca della Città Metropolitana, dedicato alle opere pugliesi e ai loro committenti. La stessa studiosa è autrice delle schede di tutte le opere pugliesi (provenienti da Bari, Modugno, Rutigliano, Barletta) presenti in mostra, nonché della tavola di Bartolomeo Vivarini del Museo di Capodimonte, in origine nella chiesa (distrutta nell’Ottocento) di San Pietro delle Fosse a Bari.

La mostra chiuderà i battenti il 5 giugno 2016.

Scrivi un Commento